E’ il console italiano a Osaka, in Giappone, ma la sua notorietà è dovuta a ben altri motivi. E ora rischia di diventare senatore della Repubblica. Mario Vattani, 47 anni, per gli amici Katanga, è balzato agli onori della cronaca a maggio 2011 perché pizzicato a cantare sul palco di Casapound con il suo gruppo e successivamente, grazie ad un’inchiesta de Il Fatto Quotidiano, si scoprì che in gioventù era stato anche protagonista di una spedizione punitiva contro attivisti di sinistra.

‘Katanga’, figlio del diplomatico Umberto Vattani (ex segretario generale della Farnesina), è stato fino al febbraio 2012 console a Osaka: il ministero lo ha sospeso dall’incarico e richiamato in patria proprio in seguito alle sue esibizioni in raduni musicali neofascisti. Vattani è infatti un esponente della scena musicale dell’estrema destra e guida le formazioni Sottofasciasemplice e Intolleranza. Nel maggio del 2011 si era esibito durante una serata a Casapound con il leader del gruppo Zetazeroalfa Gianluca Iannone e le foto della serata avevano fatto il giro del web. Il ministro Terzi aveva seccamente spiegato che “l’apologia del fascismo non è compatibile con il ruolo di servizio allo Stato e con la tradizione della diplomazia italiana”. Vattani si è opposto alla decisione della Farnesina sostenendo che essa è stata presa per motivi estranei alla sua condotta professionale; l’ultima decisione del Tar del Lazio, lo scorso novembre, ha stabilito che il ricorso di Vattani è “improcedibile” ma ha ugualmente condannato il Ministero degli Esteri al pagamento delle spese processuali.

Dopo una sospensione dal servizio e un reintegro, ora Vattani è pronto ad un nuovo impegno: la politica. Il console, infatti, ha accettato la proposta di Francesco Storace, leader de La Destra e probabile candidato alle regionale del Lazio, a scendere in campo come capolista del suo partito al Senato. La notizia è stata comunicata direttamente dall’ex governatore. “Dopo aver letto la bella intervista al Giornale d’Italia online di oggi – ha detto Storace – ho chiesto al console Mario Vattani di candidarsi con La Destra al Senato. Il suo sì alla candidatura è molto bello. La richiesta di portarlo a palazzo Madama come capolista è stata sollecitata dalla segreteria regionale della Campania”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, gli “arancioni” di Ingroia alla prova delle liste tra partiti e movimenti

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Ingroia decide dopo Natale. L’Anm chiede legge su toghe e politica

next