“Qualche giorno fa mi è stata ritirata la patente: guida in stato di ebbrezza“. E’ lo stesso consigliere regionale del Movimento Cinque stelle a divulgare la notizia con un comunicato stampa prima che la stampa lo sapesse. “Ero ad una cena con persone care. Appena alzato da tavola, avevo ancora 70 chilometri di strada prima di arrivare a casa, mi sono messo alla guida. La mattina seguente avrei dovuto alzarmi molto presto, per impegni legati alla mia attività di consigliere, e ho commesso un’imprudenza. Stavo bene, ero tranquillo. Mai avrei pensato di essere oltre il limite previsto. Per strada, invece, sono stato fermato da una pattuglia che ha rilevato, alla prova dell’etilometro, un livello leggermente superiore alla legge”.

“Ho sbagliato” – ammette Defranceschi – “e pagherò. Senza drammi. Chissà anche che non possa guadagnarci in salute, visto che per un po’ andrò in bicicletta, e in treno, in ufficio. Sicuramente, visto che è giusto imparare dagli errori, proporrò ai nostri futuri parlamentari di fare una legge che obblighi le case costruttrici a montare di serie sulle auto un etilometro, per guidare nella massima sicurezza.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Palestina c’è! E su Facebook m’insultano

next
Articolo Successivo

Vitalizi beffa in Regione: niente abolizione, sarà scelta facoltativa dei consiglieri

next