Il leader della Fiom, Maurizio Landini, lancia la proposta: “La nuova rete internet deve essere pubblica”. Il segretario poi aggiunge: “Anche perché i recenti provvedimenti del Governo, che aprono all’Agenda Digitale, debbono diventare oggetto della campagna elettorale e del futuro governo perché tra le scelte di politica industriale per rilanciare l’Italia e l’industria noi – continua – vediamo anche questo tema e in questa logica una rete pubblica digitale sia un bene che dovrebbe vedere anche un intervento più’ diretto del pubblico, con regole che siano anche in grado di garantire questo accesso perché c’è un problema che riguarda anche la qualità della nostra Democrazia”. Ieri la Guardia di Finanza ha presentato i dati sul fenomeno dell’evasione: 41 miliardi di euro sottratti al fisco. Per il leader della Fiom: “41 miliardi sono quasi il doppio delle manovre finanziarie fatte in questi anni, quindi – prosegue – serve una seria lotta all’evasione fiscale che vuol dire colpire le transazioni finanziarie, colpire i paradisi fiscali e introducendo anche forme serie di patrimoniale, non Imu, ma cose serie che affrontino il problema della ricchezza vera che questi anni è stata favorita”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Regali di Natale 2012, l’anima del commercio anti-crisi? eShopper e eBay

prev
Articolo Successivo

Instagram e Facebook: Zuckerberg tira troppo la corda?

next