Sei gay, transgender, bisex, o eterosessuale? La domanda – la cui risposta è peraltro facoltativa – è contenuta per la prima volta nei documenti per l’iscrizione all’università dell’Iowa.

E’ il primo ateneo pubblico negli Stati Uniti ad introdurre nei moduli per le matricole 2013, distribuiti dal primo dicembre, la classificazione sull’orientamento e l’identità sessuale degli studenti. E gli iscritti ne sono entusiasti: “E’ una politica che invia un messaggio di benvenuto a chiunque, qualsiasi sia la sua identità sessuale – ha commentato Georgina Dodge, direttore dell’uffico sulle ‘diversità dell’università”. Lo scorso anno, una politica simile era stata introdotta dal college di carattere privato Elmhurst nell’Illinois“.

L’anno scorso era stata diffusa la notizia della possibilità che agli studenti della Università di Harvard potesse essere chiesto di indicare sul modulo di iscrizione il proprio orientamento sessuale; una domanda che, come ha dichiarato la stessa Università, non vuole essere discriminatoria ma bensì attenta alle esigenze degli studenti. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa, strage in una scuola elementare. Morte 28 persone, 20 erano bambini

prev
Articolo Successivo

Sparatoria Connecticut, Obama si commuove: “Crimine atroce. Basta armi”

next