La nuova Tv de Il Fatto Quotidiano non avrebbe potuto scegliere giorno migliore per il suo battesimo, infatti mentre in quella sede si parlava di libertà e di conflitto di interessi, su Rai1 e Rete 4 andava in onda l’ennesimo spot del polo Raiset.

Per ore e ore gli italiani hanno potuto assistere alla conferenza stampa di un vecchio ex presidente del consiglio, che presentava un libro pubblicato dalla sua casa editrice tenendolo bene in vista sulla scrivania e, di tanto in tanto, mostrandolo “a favore di camera”, come si usava dire un tempo.

Al di lá di qualsiasi altra considerazione sul cavaliere svanito e svampito che, nel giro di pochi istanti, ha candidato  alla presidenza del consiglio Monti, Alfano e se stesso, resta l’immagine dell’uso privato della tv, dell’irrisolto conflitto di interessi, dei pedaggi che, ancora oggi, la Rai deve pagare a uno dei suoi editori e riferimento e che, per altro, ha i suoi uomini di fiducia dentro il consiglio di amministrazione e non solo.

Per altro, sicuramente in modo inconsapevole, la conferenza stampa dell’editore e dei suoi autori ha tuttavia dimostrato che la satira può ancora avere spazio dentro il servizio pubblico e allora perché Berlusconi si è la Littizzetto no?

Se proprio il Festival di Sanremo crea tanto imbarazzo perché non spostarlo a Nizza? Intanto potremmo rimettere piede in una terra già italiana, dando un segnale di riscossa nazionale. Poi si potrebbe trasmettere in eurovisione il Festival in trasferta, aggirando le norme italiane. Dal momento che in Francia le elezioni si sono già svolte non ci sarebbe problema alcuno  neppure con le Autorità di garanzia transalpine.

Dio, se c’è, salvi la Rai, e non solo, dai comici involontari e dal servizio d’ordine del conflitto di interessi. 

Lunga vita alla Tv del Fatto, ce ne sarà bisogno, prima e dopo le elezioni!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Corriere della Sera blocca i tagli e firma la pace. Almeno fino alle elezioni

prev
Articolo Successivo

The little dictator

next