Si va verso la fiducia sul decreto legge sullo Sviluppo. E’ quanto emerge dalla conferenza dei capigruppo a Montecitorio. Il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Piero Giarda, ha espresso la volontà dell’esecutivo di porre la fiducia sul provvedimento, su cui ieri si sono riversati ben 400 emendamenti. Proprio questa legge aveva aperto la via della crisi del governo Monti: a sorpresa Maurizio Gasparri, capogruppo di Palazzo Madama, aveva annunciato che il Pdl sarebbe passato dalla maggioranza a una “posizione di astensione”. Poi il provvedimento era passato, pur senza i voti, dei berlusconiani.

Giarda ha detto di avere già preannunciato “privatamente” al presidente Gianfranco Fini l‘intenzione del governo. La discussione generale sul provvedimento avrà inizio domani, dopo la votazione sulla pregiudiziale posta dall’Idv: quando verrà posta la fiducia ci sarà una nuova riunione dei capigruppo per stabilire il prosieguo dei lavori parlamentari. In particolare, bisognerà vedere se i gruppi concederanno la deroga alle 24 ore tra l’apposizione della questione di fiducia e la relativa votazione prevista dal regolamento. Sull’approvazione del decreto entro la fine della legislatura è intervenuto anche il ministro Corrado Passera: “Sarà il Parlamento a decidere. Sono confidente che ci si impegnerà al massimo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Un chihuahua di nome Angelino

prev
Articolo Successivo

Acqua pubblica, referendum tradito: il profitto dei gestori torna sotto altra veste

next