A una settimana dall’apertura delle Parlamentarie online del Movimento 5 stelle, non si placano le polemiche sulle presunte ingerenze di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, in particolare nella gestione dei fondi per la comunicazione dei futuri deputati. Per la prima volta, il guru della comunicazione di Grillo esce allo scoperto, e con poche righe firmate di suo pugno e pubblicate sul blog beppegrillo.it, annuncia di voler portare in tribunale un attivista di Bologna, Ivano Mazzacurati, e Paolo Ruffini, direttore di La7. “In un’intervista trasmessa da Servizio Pubblico la scorsa settimana – si legge – Ivano Mazzacurati ha affermato che Casaleggio prenderà i soldi destinati ai gruppi parlamentari del MoVimento 5 Stelle. La notizia è falsa ed offensiva. Ho dato disposizioni ai miei legali per querelare Ivano Mazzacurati e il direttore di rete de La 7.”

Nel mirino di Casaleggio c’è un’intervista girata dalla trasmissione di Michele Santoro mercoledì sera a Bologna, durante l’assemblea semestrale di verifica convocata dal consigliere regionale, Giovanni Favia. Mazzacurati parla delle regole da sottoscrivere per candidarsi alla consultazione, con specifico riferimento al patto per la gestione dei fondi che ogni gruppo parlamentare avrà a disposizione per le attività di comunicazione. “A chi andranno quei soldi?” è la domanda della giornalista Giulia Innocenzi. “A loro, a Casaleggio” risponde Mazzacurati, che poi aggiunge: “Chi ha parere diverso dai fedelissimi di Grillo viene isolato. Nel Movimento 5 stelle Casaleggio ad avere più potere, perché Grillo non manovra tutta questa faccenda”.

Insieme a Lorenzo Andraghetti e Alessandro Cuppone, Mazzacurati è uno dei tre militanti che hanno denunciato di essere stati tagliati fuori dalle primarie online, pur avendo tutte le carte in regola per partecipare.

La regola a cui Mazzacurati fa riferimento nel video di Servizio Pubblico è inserita nel codice di codice di comportamento, che tutti gli aspiranti deputati a 5 stelle hanno dovuto firmare per entrare nella competizione. E prevede che le risorse per la comunicazione dei gruppi parlamentari siano destinate a una speciale struttura di supporto. “La costituzione di due gruppi di comunicazione –si legge nel testo – uno per la Camera e uno per il Senato, sarà definita da Beppe Grillo in termini di organizzazione, strumenti e di scelta dei membri, al duplice fine di garantire una gestione professionale e coordinata di detta attività di comunicazione, nonchè di evitare una dispersione delle risorse per ciò disponibili. Ogni gruppo avrà un coordinatore con il compito di relazionarsi con il sito nazionale del Movimento e con il blog di Beppe Grillo”. Un obbligo che dovrà essere messo nero su bianco “nello statuto di cui lo stesso gruppo parlamentare dovrà dotarsi per il suo funzionamento”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Viaggio nelle scuole autogestite di Bologna. Qui la protesta è ancora “legale”

next
Articolo Successivo

Rocky 6, Alien 4, Silvio Berlusconi 5?

next