Presidio dei lavoratori dell’Ingv (Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia)  sotto il ministero della Pubblica Amministrazione per chiedere a proroga dei contratti in scadenza il trentuno dicembre prossimo. 243 ricercatori rischiano tra ventuno giorni di andare a casa, dopo anni di precariato. “E questo, nonostante la firma di un accordo lo scorso luglio, dopo le proteste dei lavoratori, che prevedeva già di prorogare i contratti in scadenza dei precari”, sostengono i lavoratori. “Un atto condiviso dal ministero, ma poi disatteso unilateralmente, dall’amministrazione dell’Ingv” ci dice un ricercatore “in scadenza”. “Eppure le risorse ci sono, ma a settembre è cambiato il Direttore Generale ed è cambiato l’orientamento dell’Istituto, è inspiegabile” ci dice un altro ricercatore, anche lui in scadenza dopo otto anni di precariato. “E’ una situazione insostenibile, i servizi essenziali dell’istituto sono in forte pericolo, così come tutta la parte che riguarda la ricerca” di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caporalato e mafie: “700mila schiavi nell’agricoltura italiana”

prev
Articolo Successivo

Schiavi nei campi non solo al Sud: Tortona e Franciacorta tra i casi peggiori

next