Nella giornata in cui il governo approva il “decreto incandidabilità” il più grande corruttore morale e materiale degli ultimi 150 anni si ricandida alla presidenza del Consiglio. Silvio Berlusconi è stato condannato in primo grado a 4 anni di reclusione per frode fiscale a conclusione del processo per l’acquisizione dei diritti tv di Mediaset ma il decreto non lo riguarda (per adesso) perché si applica ai condannati in via definitiva, perché alcuni processi sono caduti in prescrizione (che è cosa assai diversa dall’assoluzione) e perché il Cavaliere ha fatto approvare dalla sua maggioranza leggi ad personam per ottenere assoluzioni o riduzioni della pena.

Se almeno il governo avesse inserito tra le condizioni di incandidabilità anche quell’incompatibilità tra la titolarità delle cariche pubbliche e il controllo di settori delicati per la vita democratica del Paese (editoria e telecomunicazioni) e di settori strategici del mercato (assicurazioni, banche, calcio…) Se almeno avesse reciso per legge la possibilità che un individuo utilizzi il suo potere per trarne vantaggi personali…Ma questo si chiama “conflitto di interessi” e né il governo attuale né ovviamente quello precedente ma neanche l’opposizione di centro sinistra hanno mai scelto di affrontarlo. E così il Caimano, come nel ’94 scende nuovamente in campo, per salvarsi dai processi in corso e per dare qualche nuovo aiutino alle sue aziende che non sono state risparmiate dalla crisi.
Forza Mediaset, Forza Milan, Forza Italia. Amen

twitter: s_corradino

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Si chiudono le Parlamentarie M5S. Grillo: “95mila voti, sono molto soddisfatto”

next
Articolo Successivo

Crisi governo, dagli ultrà di B. alle pizzette: Montecitorio prepara l’addio ai tecnici

next