Le ragioni della politica hanno prevalso su quelle del diritto”. Così l’ex procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia ha commentato la sentenza della Corte Costituzionale sul ricorso del capo dello Stato Giorgio Napolitano  sul conflitto con la Procura di Palermo. Ma quali sono queste ragioni? Perchè il magistrato parla di “sentenza politica”? E cosa succederà al processo sulla trattativa Stato-mafia? Antonio Ingroia sarà ospite della settima puntata di Servizio Pubblico dal titolo “Pronto, Presidente?”, il programma di Michele Santoro in onda stasera alle 21.10 su La7.

Ospiti in studio oltre al magistrato Antonio Ingroia, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, l’ex ministro Calogero Mannino e i giornalisti Paolo Mieli e Gianni Dragoni. Nel corso della puntata saranno poi trasmessi alcuni documenti inediti esclusivi. Servizio Pubblico andrà in onda come sempre su La7 e in diretta streaming su www.ilfattoquotidiano.it Il programma sarà visibile anche sulla piattaforma Web de La7, all’indirizzo www.serviziopubblico.la7.it, su Youtube e in diretta su Radio Radicale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beppe Grillo, attacco informatico al blog. Pagine irraggiungibili per pochi minuti

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “Pronto Presidente?”. Riguarda tutti i video della settima puntata

next