Due infermiere e delegate sindacali Graziella Monacelli e Daniela Rottoli sono salite da questa mattina sul tetto dell’ospedale per protestare: “Siamo in presidio permanente fuori dall’ospedale da quattro settimane con tende e sacchi a pelo. Questa mattina siamo salite sul tetto per chiedere all’Amministrazione di rivedere le procedure di licenziamento decise dalla nuova proprietà“. Sotto una pioggia battente e un forte vento Graziella Monacelli, raggiunta al telefono spiega: “Non scendiamo finchè l’ a.d. Bedin non si rende disponibile al dialogo. La situazione è drammatica, vorremmo poter lavorare e condurre la nostra con dignità. Siamo qui per i nostri figli” di Giorgio Ragnoli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Michelangelo a San Vittore, che senso ha?

next
Articolo Successivo

Ilva, incendio e black out nell’impianto siderurgico

next