Due infermiere e delegate sindacali Graziella Monacelli e Daniela Rottoli sono salite da questa mattina sul tetto dell’ospedale per protestare: “Siamo in presidio permanente fuori dall’ospedale da quattro settimane con tende e sacchi a pelo. Questa mattina siamo salite sul tetto per chiedere all’Amministrazione di rivedere le procedure di licenziamento decise dalla nuova proprietà“. Sotto una pioggia battente e un forte vento Graziella Monacelli, raggiunta al telefono spiega: “Non scendiamo finchè l’ a.d. Bedin non si rende disponibile al dialogo. La situazione è drammatica, vorremmo poter lavorare e condurre la nostra con dignità. Siamo qui per i nostri figli” di Giorgio Ragnoli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Michelangelo a San Vittore, che senso ha?

prev
Articolo Successivo

Ilva, incendio e black out nell’impianto siderurgico

next