I servizi di sicurezza israeliani hanno arrestato il presunto autore dell’attentato contro un autobus a Tel Aviv, nel pieno dello scontro tra israeliani e palestinesi nella Striscia di Gaza, che ha causato 28 feriti. Lo riferiscono fonti della polizia e dello Shin Bet, il controspionaggio, secondo i quali l’attentato è stato organizzato non solo dalla Jihad islamica – che lo ha rivendicato – ma anche da Hamas, che però ufficialmente se ne è solo “compiaciuta”, sottolineando di essere estranea all’operazione.

”I membri della cellula della località di Beit Lakya (vicino Ramallah) legata ad Hamas e alla Jihad islamica, hanno riconosciuto durante gli interrogatori di avere pianificato attentati contro gli israeliani, preparando un congegno esplosivo e di avere scelto Tel Aviv come loro obiettivo”, afferma lo Shin Beth in un comunicato. Secondo il documento, i membri della cellula hanno reclutato un cittadino israeliano di Taibeh (città arabo-israeliana vicina a Tel Aviv,ndr)”, che avrebbe piazzato materialmente l’ordigno.

L’esplosivo all’interno dell’autobus a Tel Aviv è stato attivato a distanza con un cellulare. Lo Shin Beth annuncia che si prevedono ulteriori arresti.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La primavera araba finisce nell’inverno islamico

prev
Articolo Successivo

Gaza, violata la tregua: un palestinese ucciso e otto feriti da fuoco israeliano

next