Domenica sera l’ultima puntata di Report (Rai3) ha riportato alla luce i rapporti tra l’ex presidente della Banca Popolare di Milano, Massimo Ponzellini, oggi agli arresti domiciliari, e il Consiglio superiore della Magistratura. Il magistrato Giovanni Tinebra si sarebbe rivolto a Ponzellini per essere favorito nella nomina a procuratore capo di Catania, posto lasciato libero nell’ottobre del 2011. Grazie al banchiere, Tinebra avrebbe ottenuto l’appoggio della Lega Nord e il voto del membro laico del Carroccio all’interno del Csm, Ettore Albertoni. Nonostante alla fine l’intervento di Ponzellini non sia stato sufficiente per far scattare la nomina di Tinebra, l’inchiesta del programma di Milena Gabanelli ha dimostrato la capacità di condizionamento dell’ex presidente della Popolare di Milano sull’organo che dovrebbe garantire l’autonomia della magistratura. Interrogato da ilfattoquotidiano.it sull’argomento, il vicepresidente del Csm Luigi Vietti risponde così: “Non ho intenzione di commentare i fatti che emergono da una trasmissione televisiva, che peraltro non ho visto. Non credo che tutto questo possa mettere in discussione l’indipendenza del Consiglio nelle nomine”. Durante la puntata di Report, Giovanni Tinebra afferma, in una battuta, che “al Csm si parte tutti così” (per raccomandazione, ndr). Secca la replica di Vietti: “Chi ha detto una cosa del genere se ne assumerà la responsabilità”  di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lea Garofalo, “ritrovati resti in Brianza”. Si attendono i risultati del dna

prev
Articolo Successivo

Sovraffollamento carceri, Veronesi: “Abolire l’ergastolo”

next