Posti esauriti all’auditorium San Carlo di Milano, per la prima uscita pubblica dei candidati alle primarie del centrosinistra  in Lombardia. Un’etichetta cambiata in ‘primarie del patto civico’, in una competizione in cui ‘società civile‘ è diventata la parola d’ordine. “La sua candidatura è’ il fallimento della politica e del centro-sinistra? – chiediamo ad Umberto Ambrosoli – Assolutamente no”. Davanti al pubblico insieme a lui, Alessandra Kustermann, Andrea Di Stefano e Roberto Biscardini. “Ai quatto candidati se ne potrebbero aggiungere altri due”, ricorda la Kustermann e cioè  il giornalista di Libero Fabrizio Biasin e l’esponente del Pd Giorgio Radaelli, che hanno manifestato la volontà di candidarsi ma dovranno raccogliere 3mila firme entro domenica. I candidati discutono di lavoro, di sanità, di Expo e della gestione Formigoni, in un confronto all’insegna del fair play di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi-gate, quei dieci milioni alle Cayman e la risposta che manca

prev
Articolo Successivo

Milano, M5S sulla ‘graticola’: “Più i candidati dei presenti”

next