Cariche della polizia a Palermo contro gruppi di giovani dei centri sociali, prima davanti alla sede della presidenza della Regione siciliana e poi all’altezza della cattedrale, rispondendo al lancio di pietre, bottiglie e petardi. Da stamane è in corso la manifestazione degli studenti medi e universitari. Al termine di una mattinata di tensione, un giovane è stato fermato portato in questura. Violenti scontri tra polizia e studenti si sono verificati ieri in diverse città italiane, in particolare a Roma, e il ministro dell’Interno Cancellieri ha annunciato punizioni per gli agenti che si sono accaniti contro ragazzi inermi

Tre poliziotti sono stati colpiti in corso Vittorio Emanuele, dove un gruppo di manifestanti del Coordinamento degli studenti medi ha lanciato sassi e petardi contro le forze dell’ordine. Uno di loro ha riportato una ferita alla mano, dovuta probabilmente a un sasso, gli altri soltanto contusioni. I dimostranti hanno tentato, senza riuscirci, di raggiungere la biblioteca centrale della Regione siciliana dove il presidente Rosario Crocetta avrebbe dovuto incontrare tra gli altri il presidente del Senato, Renato Schifani

I cortei di auto di Schifani e di Crocetta, però, sono rimasti bloccati per ragioni di sicurezza. Corso Vittorio Emanuele è completamente chiuso al traffico, almeno 200 tra poliziotti, finanzieri e carabinieri presidiano tutta la zona. 

La stazione ferroviaria è stata temporaneamente chiusa per evitare che gli studenti occupassero i binari, come era accaduto due giorni fa, poi gli ingressi sono stati riaperti al pubblico. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La violenza non è espressione di libertà

prev
Articolo Successivo

Napoli, le quote rosa della camorra: a’ miciona e a’ masculona

next