Sono 4.028 le eccedenze assolute del personale ‘non dirigenziale’ della pubblica amministrazione. Ad annunciarlo su Twitter è il Ministero della Funzione Pubblica che ha incontrato i sindacati. A questi si aggiungono anche 487 esuberi tra i dirigenti: 48 di fascia e 439 di seconda. Dei 4.028 dipendenti in esubero, 3.236 lavorano nei ministeri, 126 negli enti pubblici di ricerca e 666 negli enti pubblici non economici. Il ministro, nel corso della conferenza stampa, ha spiegato che il governo ”evitato o comunque molto contenuto l’impatto traumatico sul personale pubblico con la definizione delle eccedenze nelle amministrazioni centrali”. Patroni Griffi considera “il settore pubblico un settore importante” e , ha aggiunto, “non abbiamo inseguito chi voleva licenziamenti di massa e non abbiamo inseguito chi non voleva fare nulla”.

Il provvedimento riguarda 50 amministrazioni pubbliche e in questo dato non sono stati ancora conteggiati gli esuberi dei ministeri della Giustizia, degli Esteri e dell’Interno e gli enti pubblici ‘non economici’ (Inps e gli enti parco, Croce Rossa e Ice, Pcm, Forze armate). Il conteggio sulle eccedenze dovrebbe portare risparmi per quasi 400 milioni di euro (342 milioni sul personale non dirigenziale e 50 milioni per il personale dirigenziale). “Ora inizia la fase della gestione delle eccedenze – ha detto Patroni Griffi – gli strumenti saranno i pensionamenti, prepensionamenti, mobilità volontaria, solidarietà e solo dopo aver utilizzato questi strumenti la mobilità con retribuzione ridotta”. Dopo dicembre si cominceranno a valutare le eccedenze di personale negli enti locali mentre per i ministeri degli Esteri e dell’Interno la valutazione sarà fatta a inizio 2013.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vendola, il ragazzo di Puglia

next
Articolo Successivo

Primarie centrosinistra, in tv vince Renzi. “Ha sguazzato nel format X Factor”

next