“Tutti i giorni mangiamo pane e
 primarie”. Il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, in visita al Politecnico di Milano, ha risposto così alle polemiche su una 
candidatura di Umberto Ambrosoli in Lombardia senza passare dalle primarie
 regionali del centrosinistra. “Le primarie – ha aggiunto – sono uno strumento
di partecipazione che va valutato politicamente
 dai contraenti, che non sono solo il Pd”. Secondo Bersani, la candidatura di Ambrosoli “corrisponde già a quel certo
 allargamento che noi chiediamo con le primarie nazionali del
centrosinistra”. Il segretario ha poi sottolineato l’importanza di far partecipare
strati ampi della popolazione anche non legati direttamente alla
 politica e ha espresso soddisfazione per la candidatura di
 Ambrosoli: “Vogliamo essere il primo grande partito di
questo Paese ma anche un’infrastruttura al servizio di forze
più grandi”  di Luigi Franco

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie Pdl, Fini tende la mano ad Alfano. Gelmini: “Chi vince non per forza leader”

next
Articolo Successivo

Sognando gli Usa in un Paese senza futuro

next