Greenpeace pubblica “Uno al giorno”, il cortometraggio che denuncia i danni causati dal minerale fossile impiegato da Enel nella produzione di energia elettrica. “Una morte prematura al giorno e 1,8 miliardi di euro l’anno di danni alla salute, all’economia e all’ambiente”, dicono gli esperti dell’associazione ecologista. “Gli italiani quando sentono nominare il carbone pensano più alla befana che all’elettricità – afferma Mimmo Calopresti, regista del film – E’ per questo che ho voluto abbracciare la sfida lanciata da Greenpeace e provare a spiegare cosa sia realmente quel combustibile fossile, quali danni arrechi alla salute umana, al clima, alla nostra economia”. Già in passato l’ente elettrico nazionale, azienda controllata a maggioranza dal governo, ha cercato di fermare le campagne informative del gruppo ambientalista con ingenti richieste di risarcimento danni, ma il Tribunale di Roma ha sempre respinto le cause per diffamazione per l’evidenza dei dati scientifici prodotti da Greenpeace

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav: qualche domanda sulla gestione degli appalti di Chiomonte

prev
Articolo Successivo

Enel minaccia Greenpeace: “Cancellate il film di Calopresti. E’ diffamatorio”

next