Doveva essere una ‘maratona’ di 24 ore contro la legge 194, che dal 1978 consente l’aborto (nei casi previsti dalla legge), come annunciato sul sito dell’associazione “no 194”. Ma a Milano si è ridotta in un presidio di 8-10 persone, davanti all’ospedale Mangiagalli: “E’ un giorno feriale e stiamo facendo i turni”, si giustifica Pietro Guerini, presidente dell’associazione “no 194”, che vuole raccogliere firme per abrogare attraverso il referendum la legge, su cui si è espressa pochi mesi fa la Corte Costituzionale, decretando la “legittimità dell’articolo 4”. Una scelta sempre più difficile, dal momento che secondo il ministero della Salute sono obiettori sette medici su dieci  di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morto Pino Rauti, ex segretario del Msi e fondatore di Ordine Nuovo

next
Articolo Successivo

Bracciano, 16enne trovata morta al lago. Interrogato il fidanzato: “Non ero con lei”

next