Mitt Romney – appena sconfitto ai punti nell’ennesimo duello televisivo – guarda verso la Puglia e trema. L’ala repubblicana della Cia lo ha avvertito: l’arma finale di Barack Obama nella corsa alle presidenziali Usa, è nascosta in un laboratorio tra le stradine di Altamura, vicino Bari. Un cannone? No. Un dossier? No. E allora? Un confetto. Sì, esattamente. Un confetto. Anzi: il confetto-Obama.

Zucchero fuori e cioccolato dentro. E sullo zucchero, riprodotto fedelmente, il volto sereno e sorridente del presidente. Il laboratorio in questione è quello della pasticceria “Dolci manie”, e questa è la sua storia. Quattro anni fa Mike Rubino, un signore nato a Chicago ma da tanti anni residente in Puglia, creò il dolcetto. Lo mostrò in giro e in breve il confetto Obama divenne il simbolo della campagna elettorale 2008, l’ “arma” con la quale l’associazione “Americans in Italy for Obama”, in collaborazione con “Apulians for Obama”, coinvolse nella campagna circa 500mila americani, tra italiani tornati in patria dopo la pensione e americani in Italia per lavoro, ma con diritto di voto. Da qualche settimana – era inevitabile – il laboratorio pugliese si è rimesso al lavoro per il Presidente, riproducendo su richiesta di Washington un numero ancora più importante di “confetti-Obama” versione 2012, vale a dire aggiornati e abbelliti da una confezione ancora più accattivante della precedente. Fondatrice e presidente dell’Associazione degli americani in Italia, una signora molto intraprendente di nome Nina Gardner, figlia di un ambasciatore statunitense che alla fine degli anni ’70 lavorò in Italia e di una donna veneziana. Nina, nel 2008 ha organizzato sia nel sud che nel nord Italia (i gondolieri per Obama) feste e manifestazioni per il futuro presidente. Il giorno prima del discorso di Obama a Berlino, a luglio di 4 anni fa, gli portò come portafortuna proprio i confetti a forma di cuore. “Che oltre a essere belli sono anche buonissimi”, ha assicurato, raccontando che proprio la sera del suo arrivo in Germania, stremata e digiuna, decise di assaggiarne uno, nonostante le dispiacesse. Scoprì allora che “ sono davvero fantastici ma adesso –dice- non li mangerei perché penso che diventeranno dei veri pezzi da collezione”.

Anche quest’anno, come per la passata campagna elettorale, i confetti sono stati distribuiti in Italia, tra cittadini, politici e ambasciatori, dove la signora Gardner immagina possano essere anche utilizzati per matrimoni, battesimi e comunioni. E finito il tour italiano, Nina un bel po’ se li è portati negli Usa dove ne regalerà un po’ a Nancy Pelosi che “li adora” e un’altra parte andrà ai giovani italo-americani candidati al Congresso che, come ormai di consueto, li consegneranno porta a porta ai cittadini di origine italiana. Chi pensa che il confetto di Obama sia un gadget imperdibile, può acquistarlo su Facebook, alla pagina Obama confetto. Il ricavato non andrà a Obama bensì ai terremotati dell’Emilia.

Principessa Sissi

www.puntarellarossa.it

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Birra in Sardegna: il successo incontrastato (e poco spiegabile) della Ichnusa

next
Articolo Successivo

Mai più senza: da Rieti arriva la birra spalmabile

next