Polemica vibrante tra il giornalista Marco Lillo e Daniela Santanchè, durante il talk show “Agorà”, su Rai Tre. L’esponente del Pdl è stata chiamata in causa in un’inchiesta giornalistica dell‘Espresso e del Fatto Quotidiano, che nel numero odierno pubblica l’intercettazione del colloquio telefonico tra la stessa e Antonio Cannalire, tuttofare e braccio destro di Massimo Ponzellini, l’ex presidente della Banca Popolare di Milano arrestato per corruzione cinque mesi fa. Si scopre così che l’ex sottosegretario, assieme ad altri politici come La Russa e Romani, chiedeva aiuto al banchiere per ricevere favori. La Santanchè, ad esempio, telefona a Cannalire per sapere quale trattamento avrebbe avuto la sua azienda di pubblicità. Marco Lillo, ospite in studio, chiede lumi alla sanguigna berlusconiana circa la vicenda e il suo ruolo di imprenditrice e di politico. Ma la Santanchè reagisce in modo furente, dandogli dello “stron…o” e invitandolo a “non sparare ca..ate”. E aggiunge: “Poi ci vedremo in tribunale coi suoi amici magistrati”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, Napolitano: “Bene il via alla riforma. No a coalizioni instabili”

next
Articolo Successivo

Milano, salviamo Sant’Ambrogio

next