L’oro cala dal massimo di dieci mesi in seguito all’inatteso aumento dell’occupazione negli Stati Uniti, si allenta la pressione su un potenziamento dello stimolo monetario della Federal Reserve. I prezzi del petrolio registrano la terza settimana di ribasso, gli investitori ritengono che i recenti guadagni siano esagerati in confronto al continuo aumento delle riserve. Il costo degli alimentari è destinato a rimanere alto, la siccità negli Stati Uniti e in Russia riduce le forniture di grano.

Lorenzo Paloscia – Trader e gestore di Etruria Capital Mgmt a Chicago: “L’aumento dei prezzi delle materie prime è assecondato dalla  continua svalutazione del dollaro, l’inflazione a lungo termine non viene assolutamente segnalata perché la Federal Reserve insiste nel distorcere le aspettative dei mercati finanziari”.


Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Start up sulla corsia preferenziale

next
Articolo Successivo

Imu alla Chiesa, dopo la bocciatura Grilli promette una “soluzione tecnica”

next