Un ordigno è esploso ieri notte in una sede di Equitalia a Verona. La deflagrazione è avvenuta intorno alle 3 e mezza. Non ci sono stati danni a persone. Sul posto le forze dell’ordine stanno eseguendo tutti i rilievi del caso. All’interno dell’edificio, lontano dal centro, è stato trovato poi un secondo ordigno inesploso. Lo stabile non ha subito danni gravi. 

Nel maggio scorso in molte parti d’Italia gli uffici della società, che riscuote i tributi e invia le odiate cartelle esattoriali, erano stati bersagli di attentati e violenze. Una esclation continua che aveva spinto lo stesso presidente del Consiglio, Mario Monti, ad andare in visita nella sede centrale per esprimere la solidarietà di tutto il governo ai lavoratori e dipendenti. Con il passare delle settimane non erano stati registrati episodi di violenza o aggressioni. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Doping, farmacista e due medici arrestati in operazione del Nas Bologna

prev
Articolo Successivo

Sant’Anna di Stazzema: gli ufficiali SS non sono responsabili?

next