Un ordigno è esploso ieri notte in una sede di Equitalia a Verona. La deflagrazione è avvenuta intorno alle 3 e mezza. Non ci sono stati danni a persone. Sul posto le forze dell’ordine stanno eseguendo tutti i rilievi del caso. All’interno dell’edificio, lontano dal centro, è stato trovato poi un secondo ordigno inesploso. Lo stabile non ha subito danni gravi. 

Nel maggio scorso in molte parti d’Italia gli uffici della società, che riscuote i tributi e invia le odiate cartelle esattoriali, erano stati bersagli di attentati e violenze. Una esclation continua che aveva spinto lo stesso presidente del Consiglio, Mario Monti, ad andare in visita nella sede centrale per esprimere la solidarietà di tutto il governo ai lavoratori e dipendenti. Con il passare delle settimane non erano stati registrati episodi di violenza o aggressioni. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Doping, farmacista e due medici arrestati in operazione del Nas Bologna

next
Articolo Successivo

Sant’Anna di Stazzema: gli ufficiali SS non sono responsabili?

next