Attacco contro una chiesa a Nairobi, in Kenya, dove un bambino è morto e altri tre sono rimasti gravemente feriti per l’esplosione di una granata lanciata contro l’edificio religioso. Lo ha reso noto il capo della polizia della capitale, Moses Nyakwama che al sito locale Nation ha riferito di “altre vittime ferite nella calca dopo l’incidente” che sono state ricoverate all’ospedale Guru Nanak. Al momento dell’attacco nella chiesa di San Policarpo si stava celebrando una messa per le scuole.

L’attacco ha preso di mira proprio l’ala della chiesa alla periferia della capitale keniana riservata agli alunni. Nell’esplosione e nella successiva calca per raggiungere l’uscita sono rimasti feriti una dozzina di fedeli. Le chiese in Kenya sono finite recentemente nel mirino di numerosi attacchi che non sono mai stati rivendicati ma che vengono attribuiti a una vendetta dei gruppi qaedisti per l’offensiva dell’esercito keniano in Somalia contro le milizie Shebaab. Il primo luglio 17 cristiani erano morti e altri 45 erano rimasti feriti nell’attacco contro una chiesa di Garissa, nel nord-est del Paese africano. Il nuovo attacco è arrivato all’indomani del ritiro degli Shebaab da Chisimaio, la loro ultima roccaforte in Somalia, in seguito all’offensiva di una forza dell’Unione africana guidata dalle truppe di Nairobi.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cuba, espulsi i quattro inviati italiani. Indagavano sull’omicidio di Lignano

prev
Articolo Successivo

Sindacati portoghesi in lotta contro la Troika

next