L’accelerazione della fuoriuscita dei depositi dalle banche dei paesi più colpiti dalla crisi del debito, i cosiddetti PIGS, coincide con un incremento presso gli istituti dell’Europa centrale. Un flusso che porta alla frammentazione del credito e a un sistema bancario sbilanciato su due livelli che blocca la ripresa economica e riduce l’efficacia delle politiche monetarie della Banca centrale europea.

Ospite in collegamento: Stefano Cordero di Montezemolo – Direttore scientifico della European School of Economics a Milano: “La difficoltà ad aumentare la liquidità nel sistema e la pesante tassazione subita da imprese e famiglie non indicano una ripresa, come dice Monti, per l’anno prossimo, se non per un fattore puramente tecnico che potrebbe causare un apparente rilancio dell’attività industriale”.


Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiat: “Impegno per presenza in Italia, ma business orientato all’export”

next
Articolo Successivo

Della Valle: “Fiat? Degli improvvisati” Marchionne: “Non rompa le scatole”

next