Da lunedì 17 settembre è di nuovo attiva Area C: per entrare in auto nella Ztl Cerchia dei Bastioni, i milanesi dovranno pagare un tagliando, del valore di 5 euro. La giunta Pisapia ‘aggira’ così la sospensione del Consiglio di Stato: soddisfatte le associazioni ambientaliste e il movimento civico ‘Milano si muove’, critici i commercianti aderenti al comitato ‘No area C’ che si sentono danneggiati, oltre che dalla crisi economica, anche da un provvedimento di questo genere. Critici anche perché “sulla stampa c’è stata una campagna di boicottaggio nei confronti dei negozianti che esponenvano ringraziamenti al Consiglio di Stato”. “Area C ha ridotto il traffico e migliorato la vivibilità a Milano –  replica l’assessore all’Ambiente del comune di Milano Pierfrancesco Maran – e ha fatto calare il black carbon”. Diversa la situazione sul Pm10, l’insieme delle polveri sottili di cui il black carbon è solo una parte: “Per migliorare questo servirebbero interventi a livello di pianura padana“, conferma Maran. Andrea Trentini, ricercatore dell’università Statale di Milano, ha infatti messo a confronto i dati Arpa (le serie storiche e i dati più recenti): “Confrontando i dati 2011 e quelli 2012, con l’introduzione di Area C, si vede come la situazione non sia migliorata” di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brescia, la mostra su Matisse puzza di truffa: da 500mila euro

prev
Articolo Successivo

Anziani uccisi a Lignano, la confessione di Lisandra: “Non volevo finisse così”

next