“Abbiamo sbagliato a non dire no a quei soldi”: poche parole sufficienti a spiegare perché alle prossime elezioni i cittadini difficilmente riusciranno a distinguere tra il Pd e la vecchia politica dei forchettoni. E non serve che l’autore di questa frase, Esterino Montino, capogruppo dei Democratici alla Regione Lazio, dica che non è la stessa cosa spendere il denaro pubblico in ostriche o in manifesti se poi, alla resa dei conti, sia i ladri matricolati sia chi ladro non si considera hanno ugualmente intascato senza batter ciglio una barca di soldi (a parte stipendi, emolumenti, rimborsi e prebende varie, altri 140mila euro a disposizione di ogni consigliere).

Non ci soffermeremo sulla Banda Bassotti Pdl capitanata da quel Franco Fiorito che, solo a guardarlo (180 chili di peso incartati nel gessato d’ordinanza), evoca l’invettiva romanesca diventata inno nazionale: qua è tutto un magna magna… E anche se, per ammissione dell’onesto Montino, 8 mila euro democratici sono stati spesi per magna’ in un ristorante di Rocca di Papa (“iniziativa politica”, s’intende), è inevitabile che le colossali ruberie dei partiti spianino la strada a quell’“antipolitica” che fa tanto inorridire le anime belle della sinistra. Insomma, Grillo potrebbe prendere il sole tranquillo sullo scoglio ligure, visto che per il Movimento 5 Stelle lavorano alacremente i detentori del malloppo (il villone e le casette in Canada del margherito Lusi, i festini con apposite ragazze per il gessato ciociaro, per non parlare del cerchio magico leghista finanziato dal fisiognomico Belsito). Mentre gli onesti democratici di Bersani e Renzi fanno un po’ la figura del palo della banda dell’Ortica che “scrutava nella notte perché vederci non vedeva un’autobotte”.

Luca Ricolfi lo ha scritto sulla Stampa (3 settembre): nell’elettorato italiano sta accadendo quel che accadde vent’anni fa con lo sbriciolamento della Prima Repubblica, quando “diminuì drasticamente la quota di italiani che ragionavano in termini di destra e sinistra e aumentò la quota di quanti ragionavano in termini di vecchio e nuovo”. Il nuovo potrà anche urlare e dire troppe parolacce, ma basta l’apparizione di un Alfano o di un Casini che auspicano le necessarie riforme, mentre i loro sottoposti s’ingozzano di ostriche a spese nostre, per trasformare un Casaleggio nel conte di Cavour.

Il Fatto Quotidiano, 16 settembre 2012

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Legge elettorale, Alfano: “Va approvata entro il 10 ottobre, anche senza accordo”

next
Articolo Successivo

Formigoni: “Macroregione del Nord” con Piemonte e Veneto. Maroni lo gela

next