Sulla vicenda dell’Ilva di Taranto sembra diffondersi la sensazione che l’azienda – grazie ai suoi avvocati – stia vincendo e abbia ottenuto il permesso di continuare a produrre e a inquinare.

Va fatta chiarezza, perché la campagna mediatica aziendale tende a deformare la realtà dei fatti, in primo luogo rendendo evanescenti gli obblighi a cui l’Ilva è sottoposta.

Nonostante alcuni successi contingenti (il presidente Ilva Ferrante reintegrato fra i custodi giudiziari), non va tuttavia dimenticato che l’ordinanza del gip Todisco è in vigore ed è stata confermata dal Tribunale del Riesame. Essa prevede il sequestro senza facoltà d’uso. Prevede la cessazione del pericolo e quindi l’interruzione della diffusione delle polveri e dei fumi nocivi sulla città. L’ordinanza non solo non è stata annullata ma andrà eseguita.

Non dobbiamo farci depistare dal fatto che per ora non ne venga data esecuzione tecnica. La proprietà dell’Ilva sta certamente usando tutti i suoi avvocati per schivare il provvedimento, ritardandolo, e soprattutto sta usando l’arma mediatica per delegittimare il gip Todisco, facendola apparire come un magistrato perdente. Benché in alcuni aspetti esecutivi l’azienda sia riuscita a ottenere delle piccole vittorie, nella sostanza non è riuscita a intaccare la parte più importante dell’ordinanza che impedisce la facoltà d’uso a fini produttivi e decreta la necessità di cessazione del pericolo in tempi brevissimi, a tutela della salute e della vita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trattativa, ricostruzioni ‘esclusive’ di Panorama. Ingroia: “Ricatto”

next
Articolo Successivo

Panorama, le telefonate tra Colle e Mancino. Quirinale: “Autentici falsi”

next