Inflazione pressoché identica fra Unione europea e Paesi euro, la prima si attesta al 2,4 per cento mentre la seconda è al 2,5 per cento. L’Italia invece si distacca dalla media dell’Unione di oltre un punto percentuale (3,6%). Questo è quanto rilevato dall’Eurostat per il mese di luglio durante il quale l’Eurozona ha conosciuto una discesa dei prezzi su base mensile di mezzo punto percentuale, mentre su base annua il dato è in linea con il 2011 (2,6%), mentre quella dell’intera comunità europea è diminuita dal 2,9 per cento del 2011.  

Per quanto riguarda i singoli paesi, i tassi mensili più bassi sono stati osservati in Svezia (0,7%), Grecia (0,9%), Germania e Lettonia (1,9%). I più alti in Ungheria (5,7%), Malta (4,2%) ed Estonia (4,1%). Rispetto a giugno 2012, l’inflazione annua è scesa in dodici Stati membri, mentre è rimasta stabile in uno e si è alzata in quattordici. Il tasso più basso nei 12 mesi precedenti fino a luglio 2012 sono stati registrati in Svezia (1,0%), Irlanda (1,6%) e Grecia (1,8%), e il più alto in Ungheria (4,9%), Estonia (4,6%) e Slovacchia (4,1 %). 

A far aumentare i prezzi nel luglio di quest’anno hanno contribuito sopratutto alcol e tabacco (4,7%), le abitazioni (3,8%) e i trasporti (3,2%), mentre i tassi più bassi sono stati osservati per le comunicazioni (-3,1%), istruzione (0,7 %) e ricreazione e cultura (1,0%). Per quanto riguarda il dettaglio hanno avuto il maggiore impatto sul rialzo del tasso i carburanti per i trasporti (+0,13 punti percentuali), l‘energia elettrica e il gas (+0,10 ciascuno), mentre le telecomunicazioni (-0,18), l’auto (-0,06), l’audio e le apparecchiature audiovisive, servizi finanziari e affitti (-0,05 ciascuno) hanno avuto i maggiori impatti al ribasso. I principali componenti con i più alti tassi mensili sono stati ricreazione e cultura (1,6%), alberghi e ristoranti (1,3%) e la salute (0,9%), mentre le tariffe più basse mensili sono state registrate nei settori di abbigliamento (-13,4%), comunicazioni (-0,8%) attrezzature per la casa (-0,7%). Hanno avuto il maggiore impatto al rialzo i pacchetti vacanze (+0,18 punti percentuali), i servizi di alloggio (+0,12) e il trasporto aereo (+0,08), mentre i capi di abbigliamento (-0,74), calzature (-0,16) e frutta (-0,05) hanno avuto i maggiori impatti al ribasso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Quelli che: “faremo la spesa con la carriola”

prev
Articolo Successivo

Le Olimpiadi di Londra e il fascismo del terzo millennio

next