Un prete rifiuta di sposare una coppia perché di colore. E’ accaduto negli Stati Uniti che votato alla casa bianca un presidente come Barack Obama. L’incredibile vicenda è in Mississippi, uno stato che vive ancora la piaga del razzismo. La chiesa battista di Chrystal Springs non ha voluto ospitare Charles e Tè Andrea Wilson che prevedevano di coronare il loro sogno d’amore lì. Intervistato dalla stampa locale, il reverendo Stan Weatherford ha detto che in quella chiesa non si è mai celebrato un matrimonio tra persone di colore da quando è stata aperta nel 1883. Ha aggiunto, inoltre, che i membri della congregazione bianca si sono opposti in modo cosi virulento al matrimonio della coppia al punto da minacciare di licenziarlo. Insomma il sacerdote ha ceduto alle pressioni razziste della comunità. La congregazione ha stabilito che nessuna coppia nera debba sposarsi in quella chiesa di Crystal Spring – ha chiarito Charles – e se il pastore avesse celebrato il matrimonio sarebbe stato cacciato”.

Weatherford, pastore bianco, si è però offerto di celebrare le nozze in una chiesa non lontana dove i fedeli neri sono in maggioranza. I futuri sposi prevedevano di diventare frequentatori abituali della parrocchia battista dopo il matrimonio, ma sono stati costretti a cambiare programma dopo il secco no da parte della congregazione. A Charles e Te’ Andrea non è rimasto che fare dietrofront e comunicare a tutti gli invitati, giunti nel frattempo in chiesa, che il matrimonio non si poteva fare. Se non altro all’indomani il reverendo Weatherford ha ugualmente sposato la coppia, però in un’altra cappella. A spiegare il motivo dello spostamento è stato il neo sposo. “

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Yemen, italiano rapito a Sanaa. “E’ un carabiniere friulano”

prev
Articolo Successivo

Romania, niente quorum per il referendum sul presidente Basescu

next