Valerio Fioravanti ha dato mandato al suo legale, l’avvocato Alessandro Pellegrini, di promuovere un’azione civile nei confronti di Matteo Pasi, autore del docu-film Un solo errore. Il film attribuisce all’ex leader dei Nar condannato per la strage alla stazione di Bologna un’intervista, in cui pero’ Fioravanti non appare mai e viene doppiato da un attore su quelle che il regista definisce ”registrazioni originali”.

Fioravanti, che ha già smentito con decisione di aver rilasciato dichiarazioni a Pasi, ora si rivolge al Tribunale. ”Non lo devono chiamare documentario. Hanno il diritto di dire quello che vogliono e quello che pensano, non hanno diritto di chiamare documentario una cosa che non e’ documentata – sottolinea Fioravanti all’Adnkronos -Avrei voluto che la chiamassero fiction o in un altro modo. Questo mi sarebbe bastato, ma l’avvocato mi ha detto che non sarebbe stato possibile e cosi’ ho deciso di promuovere un’azione civile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lega Nord: “Errani si dimetta. Elezioni ad ottobre”

next
Articolo Successivo

Bancarotta, indagato Luca Baraldi ex Parma, Lazio e Bologna calcio

next