Lunga riunione al ministero dell’Ambiente a Roma, questo pomeriggio il sequestro degli impianti dell’area a caldo dell’Ilva di Taranto. Corrado Clini, che già ieri aveva espresso contrarietà al blocco della produzione, ribadisce: ”Chiederò che il provvedimento di riesame avvenga con la massima urgenza. La magistratura sta procedendo al sequestro degli impianti e ad altre misure cautelari e l’intenzione del Governo è di sostenere la continuazione delle attività produttive nel sito industriale”. La Regione Puglia si costituirà parte civile se si dovesse arrivare al processo nell’inchiesta della magistratura sull’Ilva”. Lo afferma il governatore della Puglia, Nichi Vendola, che ricorda: “In tutte le vicende in cui c’è la lesione di un danno collettivo – prosegue Vendola – normalmente ci costituiamo parte civile. E penso che lo faremo anche in questo caso”. Per il presidente, che esprime “solidarietà alla comunità operaia, di una grande capitale industriale del Sud, l’auspicio non può che essere quello che un altro giudice riesamini quegli atti e provvedimenti e in particolare quelli cautelari di sequestro vanno letti puntualmente, perché non significano automaticamente lo spegnimento della fabbrica. All’Ilva – conclude Vendola – non siamo all’anno zero” di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consumo di suolo: la buona legge (finalmente)

prev
Articolo Successivo

Ilva, Vendola: “Contro industrialismo cieco e ambientalismo isterico”

next