Raffaele La Capria racconta in un delizioso libretto, La lezione del canarino, di un gufo reale trascinato in una trasmissione culturale della televisione, come silenzioso testimone e simbolo di saggezza. Dignitoso e regale durante la trasmissione, probabilmente stupefatto di trovarsi lì, alla fine viene trascinato via a testa in giù come un pollo qualsiasi.

Qualcuno ricorderà ancora Angelo Lombardi, che acculturava gli italiani degli anni cinquanta sulla zoologia: “Andalú porta la belva!” , diceva all’aiutante nero. Non proprio politicamente corretto, ma quelli erano i tempi.

Per aver scritto “In viaggio con l’asino” mi sono trovato col coautore Visentin e rispettivi figli Martina e Pietro nella trasmissione di Licia Coló: Alle falde del Kilimangiaro.

C’erano le balle di fieno, c’era il nostro maestro asinaio Luca Gianotti, e c’è era un asino controfigura del nostro, un mercenario affittato a Roma, visto che trasportare dagli Abruzzi Eva e Nino, sembrava troppo.

Tutto era pronto: intervistatrice, intervistati, mappa del percorso. Ma quando l’ asino vide le luci e il pubblico si rifiutò tassativamente di prestarsi alla messa in scena, cosa che irritò assai Licia Coló. Il nostro intervento fu scorciato, Gianotti tagliato del tutto perché era venuto a mancare il vero protagonista della storia.

Ma non potei fare a meno di apprezzare la dignità dell’asino. Altro che gufo reale. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Trattative e depistaggi”: l’incontro in streaming sul fattoquotidiano.it

next
Articolo Successivo

2012, la fine di un mondo

next