Il downgrade di Moody’s è relazionato alle dichiarazioni di Berlusconi, che annuncia la sua discesa in campo alle prossime politiche e delinea così una situazione di “rischio” per il Paese. Secondo l’agenzia di stampa cinese Xinhua, subordinata al governo della Repubblica Popolare e considerata sua espressione diretta, l’agenzia di rating non ha “nominato Berlusconi, anche se ha citato il ‘rischio politico’ come fattore principale della sua decisione”. 

Nonostante le notizie che riguardano il Cavaliere non siano state “il motore principale dietro la decisione di Moody’s”, per Xinhua “è chiaro che l’instabile panorama politico italiano, che ha permesso agli alleati di Berlusconi di credere che l’uomo che cadde politicamente in disgrazia appena sei mesi fa possa tornare, è stato sufficiente per convincere Moody’s che i rischi associati all’Italia stavano arrivando”. 

La decisione del downgrade è arrivata venerdì, due giorni dopo che “l’ex presidente Berlusconi ha gettato il guanto della sfida per correre nuovamente come primo ministro”. Eppure secondo Xinhua l’esecutivo italiano pare non abbia collegato la nuova discesa in campo del Cavaliere al declassamento del debito italiano, anzi “incurante delle intenzioni di Berlusconi, il governo ha spiegato che il downgrade è stato ‘ingiustificato'” dati i tagli e le riforme operati dal governo Monti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Lo Bello: “Sicilia a rischio default, è la Grecia del Paese”

next
Articolo Successivo

Debito pubblico record a quasi 2mila miliardi. Spread a 495, bene l’export

next