Trenta miliardi entro fine mese alla Spagna per la ricapitalizzazione delle banche. Il presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker ha annunciato ieri sera l’erogazione della prima tranche di aiuti a Madrid e ha concesso alla Spagna un anno in più per portare il deficit sotto il limite del 3% del Pil previsto dal patto di stabilità. Il termine per il risanamento dei conti passa così dal 2013 al 2014. La riunione ha visto vincere la linea anti spread di Monti dello scorso vertice Ue e riaffermato il “forte impegno a fare quanto necessario per assicurare la stabilità finanziaria dell’Eurozona, in particolare attraverso l’uso flessibile ed efficiente degli strumenti esistenti, l’Efsf e l’Esm, per gli Stati che rispettano le raccomandazioni” dell’Ue e “tutti gli altri impegni del semestre europeo”. E mentre le piazze del Vecchio continente aprono in lieve rialzo, i ministri Ecofin arrivano a Bruxelles per la riunione al Consiglio europeo. 

Nella conferenza stampa al termine di quasi nove ore di discussioni, alle 2,30 del mattino, il presidente Juncker ha confermato che fino a fine anno rimarrà in carica. “E’ stato firmato oggi un accordo tecnico fra Bce e Efsf che crea la possibilità di un’efficiente conduzione delle operazioni di mercato da parte dell’Efsf”, ha spiegato Juncker, aggiungendo che un accordo analogo sarà firmato dalla Banca centrale, il cui presidente Mario Draghi ha partecipato alla riunione, e l’Esm, una volta che questo entrerà in funzione. Inoltre, l’Eurogruppo ha dato il suo avallo politico alle linee guida della politica di investimenti dell’Esm, il cui numero uno sarà l’attuale direttore dell’Efsf, Klaus Regling.

Come avevano anticipato fonti italiane quando il presidente Monti aveva lasciato la riunione, l’Eurogruppo ha quindi dettagliato le decisioni prese dal Consiglio europeo di 10 giorni fa sul cosiddetto “scudo antispread”, nonostante i dubbi sollevati nei giorni scorsi da alcuni paesi del nord Europa: “La discussione è andata bene” avevano fatto sapere. Inoltre, Juncker ha annunciato che la prima tranche di aiuti alle banche spagnole, pari a 30 miliardi, arriverà a Madrid entro la fine del mese, e che i dettagli del programma di assistenza al sistema bancario spagnolo sarà approvato nella prossima riunione dell’Eurogruppo del 20 luglio. Quanto alla ricapitalizzazione diretta delle banche da parte dell’Esm, Juncker e il vicepresidente della Commissione Olli Rehn hanno assicurato che non richiederà garanzie da parte degli Stati, ipotesi circolata nei giorni scorsi, e che entro l’inizio di settembre la Commissione presenterà la sua proposta per una sorveglianza unica del sistema bancario europeo che passa attraverso la Bce: in questo modo, ha detto Rehn, il consiglio può puntare ad avere il nuovo sistema, precondizione perché l’Esm possa cominciare a esercitare questa nuova funzione, entro la fine dell’anno. Infine, per quanto riguarda la situazione di Grecia e Cipro proseguono le rispettive missioni della troika, ma, ha assicurato Juncker riferendosi alle prossime importanti scadenze di titoli di Stato di Atene, “troveremo le soluzioni perché la Grecia non debba avere problemi in agosto”.

Ecofin Facendo il suo ingresso alla riunione dell’Ecofin il ministro delle Finanze spagnolo Luis De Guindos, sottolinea che gli aiuti europei alle banchespagnole saranno “a lunghissimo termine” con una durata media di 12 anni e mezzo e un “periodo di grazia” di 10 anni. I tassi di interesse prospettati sono compresi tra il 3 e il 4 per cento e anche Madrid dovrà fornire garanzie statali per i circa 30 miliardi di euro che prevede di ottenere dai Paesi dell’Eurozona.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trasporti, il meteo “estremo” costa 15 miliardi all’Unione europea

next
Articolo Successivo

Gli stipendi del Fondo salva-Stati: il direttore guadagnerà più della Merkel

next