Per cogliere la distanza che separa i tifosi dal calcio di oggi, basta andare al cinema. Le sale gremite de il Mundial Dimenticato stridono col progressivo svuotamento degli stadi, le polemiche sugli Europei e gli ultimi scandali di Calcio Gomorra.

Così se il football dei poteri forti smarrisce (inevitabilmente) credibilità e funzione maieutica, il mito del Calcio Antico sopperisce e colma il vuoto, dispensando visionarismo sociale e storie leggendarie per aficionados in crisi d’identità. E’ il caso del mockumentary creativo, cioè del falso documentario di Lorenzo Garzella e Filippo Macelloni. Tra fiction e verità, racconta gli incredibili e sconosciuti Mondiali della Seconda Guerra, (mai) giocati in Patagonia nel 1942 e perciò disconosciuti dalla FIFA.

L’operazione sbarca agli ultimi Festival del Cinema di Venezia e Cannes, sarà all’International di Shanghai. Nasce dalla citazione di un libro di Osvaldo Soriano e da una campagna virale promossa su internet da Katsuro Matsuda, fantomatico concorrente televisivo giapponese, escluso da un quiz per aver risposto che i mondiali del 1942 si sono giocati in Patagonia”. Nessuno li conosce, nessuno ne sa nulla e non se ne trova traccia (preistorica) nemmeno tra Cile e Argentina. Perché quei mondiali, quando l’Europa sanguinava sotto le bombe, non si sono mai disputati. Ma il mondo del pallone, affascinato dall’assurda narrazione tra intreccio e mistero, mangia la foglia e sta al gioco, gongolando sugli allori perduti.

Josè Altafini, Gigi Buffon, Darwin Pastorin, Fabio Caressa, Roberto Baggio e Jorge Valdano accreditano i fantasmi di zone d’ombra del calcio d’ultima età bellica. La (finta) storia piace, crea adepti tra addetti ai lavori e veri protagonisti di presente e passato. E così, la provocazione di assegnare i (veri) Mondiali del 2026 alla Patagonia, parte dalla straordinaria illusione che gli indigeni Mapuche possano aver (davvero) conteso l’ambita Coppa Rimet ai temibili centravanti nazisti, ai centrocampisti azzurri littori e alla straripante Inghilterra mista Football Association, ai tempi in cui l’arbitro – invece del fischietto – comunicava con calciatori e pubblico a colpi di pistola.

Il Mundial Dimenticato – spiega il regista Filippo Macelloni – ci ha aiutato a prendere un pò in giro questo folle mondo del calcio e il mercato cinematografico, ma allo stesso tempo a far riflettere lo spettatore su questo sport definito nazionale”.  Ne avvertivamo il bisogno: riflettere, fantasticando sul senso di calcio e nazione, non fa mai male. Nemmeno al cinema.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcioscommesse, arresti domiciliari per Stefano Mauri e Omar Milanetto

next
Articolo Successivo

I tifosi diventano dirigenti, fanno tutto online. E vincono il campionato

next