Riparte il 18 luglio il nuovo processo per concorso esterno in associazione mafiosa contro il fondatore di Forza Italia Marcello Dell’Utri. Il senatore del Pdl dovrà presentarsi davanti alla terza sezione della Corte d’Appello di Palermo dopo che nel marzo scorso la Cassazione aveva annullato la condanna a sette anni

La Corte sarà presieduta da Raimondo Lo Forti e formata dai giudici Mario Conte e Daniela Troja. A sostenere l’accusa sarà il procuratore generale Luigi Patronaggio, lo stesso che mercoledì ha chiesto la condanna a 13 anni dell’ex presidente della Regione siciliana, Salvatore Cuffaro, imputato di concorso esterno in associazione mafiosa dopo essere stato condannato a 7 anni per favoreggiamento. Dell’Utri è difeso dagli avvocati Massimo Krogh, Giuseppe Di Peri, Pietro Federico e Andrea Greppo.   

Il senatore del Pdl era stato condannato in primo grado l’11 dicembre del 2004 a nove anni di reclusione, ridotti a sette in appello il 29 giugno del 2010. Il 9 marzo scorso la Cassazione ha annullato quella setenza, con rinvio ad altra sezione della Corte di Appello di Palermo. Nelle motivazioni, depositate il 24 aprile scorso, la Suprema Corte ha affermato che Dell’Utri ebbe un ruolo di “mediatore” tra la mafia e Berlusconi, che ne era “vittima”, ma aveva spiegato che occorre un nuovo processo perché deve essere provato il reato per il periodo dal 1977 al 1982. Riguardo a questi anni, gli Ermellini hanno rilevato un “vuoto argomentativo” della sentenza, perciò cassata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Intercettazioni: torna il disegno di legge, sarà discusso alla Camera da giugno

prev
Articolo Successivo

Processo Ruby, B. in riunione col Pdl: accolto il legittimo impedimento

next