Divampa un incendio all’interno di un centro commerciale nella parte orientale di Doha capitale del Qatar, il bilancio provvisorio è di 19 morti di cui 13 sono bambini (giapponesi, filippini, sudafricani, spagnoli e altri europei), altri 17 sono feriti. Il “Villaggio Mall“, inaugurato nel 2006, richiama famiglie e giovanissimi perché ha un’architettura particolare: l’intero complesso è ispirato all’architettura italiana, con un hotel e un parco a tema veneziano con tanto di finti canali e gondole.

A riferire la notizia è lo stesso ministero dell’Interno del regno, che rivela l’identità di alcune vittime: quattro maestre e due vigili del fuoco. Al Jazera riporta che i vigili del fuoco sono dovuti entrare nell’edificio calandosi dal tetto per salvare molti bambini che si trovavano intrappolati nella nursery. Questa si trova al primo piano del centro commerciale più frequentato della città, e l’accesso era molto difficile. Restano ancora ignote le cause che hanno scatenato le fiamme. L’incendio è iniziato nella nursery e, secondo un testimone oculare, l’impianto anti incendio non era funzionante. 

 

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siria, nuove stragi e nessuna soluzione in vista

prev
Articolo Successivo

Siria. Strage di Hula, la Russia non cambia “Responsabili esercito regolare e miliziani”

next