Non solo Camera e Senato. Il controllo della politica parte dalle amministrazioni più vicine ai cittadini. Openpolis e InformaEtica hanno deciso di estendere il progetto di OpenParlamento, nato per promuovere la trasparenza a Montecitorio e Palazzo Madama, con OpenMunicipio, “una piattaforma web no-profit di informazione, monitoraggio e partecipazione attiva alla vita delle città che vi aderiscono”. Una modalità online per “sapere cosa accade nel proprio comune e seguirne con tempestività le iniziative e gli sviluppi”, oltre a incentivare collaborazione e dialogo tra i cittadini e chi li amministra attraverso il confronto di “idee, opinioni e soluzioni”.

Udine e Senigallia, in provincia di Ancona, saranno le prime città a implementare il progetto a luglio. Sul sito è possibile consultare la demo della piattaforma che consentirà di informarsi su”tutta l’attività politico amministrativa aggiornata in tempo reale e sempre disponibile, con dati ufficiali del comune”, “monitorare l’andamento di un atto, le attività dei politici o un argomento di particolare interesse” e intervenire “nella vita politica” attraverso voti e commenti dell’attività amministrativa nella community del sito”. Il tutto realizzato con software liberamente e gratuitamente riutilizzabile da chiunque. 

“Dopo OpenParlamento, aperto nel 2009, abbiamo pensato di replicare il sistema in una dimensione locale”, spiega Vincenzo Smaldore, tra i fondatori dell’associazione Openpolis. “Proponiamo il superamento della normativa vigente, ovvero dell’albo pretorio, dove tutto ciò che è stato già approvato in comune viene reso pubblico per soli 15 giorni”. Infatti, dopo la scadenza del termine i cittadini devono dimostrare ‘un legittimo interesse’ per accedere e se l’amministrazione respinge la richiesta si può solo fare ricorso al Tar. “La piattaforma elimina questo mostro burocratico fatto di moduli e attese perché ciò che pubblica non ha limiti temporali”. Inoltre, se ad esempio nell’albo compaiono solo le delibere, su OpenMunicipio ci saranno interpellanze, mozioni e proposte di delibera. Da seguire nel loro iter, nel corso del quale i cittadini potranno intervenire.

Rispetto ai progetti open data implementati dai comuni di Firenze e Torino che includono set di dati su bilanci e spese della macchina amministrativa, OpenMunicipio rendiconta le attività dei singoli organi politici e monitora l’attività dei consiglieri. Lo stesso comune può decidere di aderire e i cittadini possono sollecitarlo. “Adottare la piattaforma costa quanto i pc di due uffici pubblici”, prosegue Smaldore, ovvero 8mila euro l’anno per comuni fino a 50mila abitanti. Cifra che raddoppia per chi sorpassa i 150mila abitanti. “La difficoltà principale consiste nell’assicurare l’accesso agli atti. Alla base di questo progetto la volontà politica di avviare un processo di trasparenza solido e duraturo con gli elettori. E oltre a Udine e Senigallia anche altri comuni intendono implementarlo, da Trieste a Napoli”. Il prossimo obiettivo? “Open Regione”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Autoblu non ne possiamo più

prev
Articolo Successivo

Genova, l’ultima sfida tra gli opposti dopo il terremoto dei Cinque Stelle

next