Due associazioni anti-abortiste si sono date appuntamento all’’ingresso dell’ospedale ginecologico Sant’Anna di Torino. Uno dei manifestanti distribuendo volantini contro la Ru-486 spiegava: “33 anni di aborti hanno ucciso 6 milioni di bambini che sono stati rimpiazzati con immigrati”. Il Sant’Anna è al centro delle critiche del movimento pro-life perché è uno dei presidi sanitari che applica la legge 194 considerando l’aborto da trattare con procedura d’urgenza. Secondo Silvio Viale, ginecologo e presidente dei Radicali Italiani: “il Sant’Anna sta facendo il suo dovere, nonostante Cota!”  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giornata mondiale contro Green Hill, a Roma proteste anti vivisezione

prev
Articolo Successivo

Gay Scout (parte seconda): un appello

next