Quattro giornalisti della France Presse sono riusciti ad entrare in uno dei Paesi più chiusi al mondo in treno, viaggiando da Dandong, l’ultima città cinese prima del confine, fino alla capitale Pyonyang. Ci sono volute 10 ore per percorrere 240 chilometri, un tempo infinito che ha permesso ai reporter di rubare alcuni scorci unici della campagna e di diverse città nordcoreane, tenute il più possibile lontane da occhi stranieri per volere del regime militare. Dal finestrino scorrono strade polverose, poco asfaltate su cui si affacciano palazzi squadrati, tutti uguali e per la maggior parte decrepiti. Il panorama è punteggiato da gruppi di persone a piedi o in bicicletta che lavorano lungo distese senza fine di campi riarsi o sistemano strade. Qua e là spuntano monumenti e gigantografie del “grande leader” Kim Il Sung, morto nel 94 e idolatrato in patria. La sensazione generale è di miseria e solitudine, unico barlume di colore l’immagine fugace di ragazzini che si allenano su un campetto di calcio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Hollande: ‘Nuova era’. Sarkò: ‘Unitevi a me’

prev
Articolo Successivo

Siria, l’Europa pronta a nuove sanzioni contro Assad. Nel mirino il patrimonio personale

next