Altri, piccoli, guai per la Lega. La senatrice della Lega Nord, nonché vicesindaco di Lampedusa, Angela Maraventano è stata condannata in primo grado dal tribunale di Agrigento perché non ha pagato i contributi Inps a un dipendente del suo ristorante. La condanna ammonta a tre mesi di carcere e 300 euro di multa, qualcosina in meno di quanto chiesto dal pm. Il pubblico ministero aveva proposto la condanna a 4 mesi e 400 euro di multa.

“Ho già pagato per questa vicenda – ha detto Angela Maraventano – ma evidentemente al giudice non è bastato. Vuol dire che proporremo ricorso in appello”. A segnalare il caso fu lo stesso istituto di Previdenza che fece scattare le indagini. Secondo l’accusa la cifra indebitamente trattenuta è di circa 4.200 euro. Il caso sembrava chiuso con un decreto penale di condanna, ma la difesa della senatrice della Lega aveva chiesto un processo.

E dire che la Maraventano è una vera e propria passionaria sul tema previdenziale: a dicembre il Senato aveva dovuto interrompere la seduta per le urla e le contestazioni leghiste al presidente del consiglio Mario Monti, fra cui quelle della vicesindaco: “Parlaci piuttosto delle pensioni!”, gridava la Maraventano, riferendosi alla manovra economica finanziaria del nuovo esecutivo.

La Maraventano si era fatta conoscere poi per le sue parole di fuoco contro i Tunisini in una intervista lasciata al nostro giornale. Secondo la senatrice, “sono tutti dei delinquenti e basta. Vi dico pure che sono stata a Tunisi e là stanno benissimo, non hanno nessun problema. L’inferno lo abbiamo noi, non loro. E poi, in passato, abbiamo ospitato migliaia di profughi e non è mai successo niente. Solo con loro ci sono problemi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Tasse, burocrazia e poco credito: da inizio anno sono già 23 i suicidi di imprenditori

next
Articolo Successivo

La Lega utilizzava schede intestate a extracomunitari per parlare dei fondi all’estero

next