Sei rinviati a giudizio, di cui quattro politici, nell’ambito dell’inchiesta “Why not. L’accusa è di associazione a delinquere su presunti illeciti nella gestione di fondi pubblici destinati alla Calabria. Lo ha deciso il gup di Catanzaro Livio Sabatini. Inizialmente erano stati tutti prosciolti ma i sostituti procuratori generali Eugenio Facciolla e Massimo Lia avevano impugnato la sentenza e la Cassazione aveva annullato la richiesta con rinvio. Il processo partirà il prossimo 6 luglio.

I politici coinvolti sono Nicola Adamo, eletto nel consiglio regionale per il Pd ma passato al gruppo misto, Ennio Morrone del Pdl, primo dei non eletti in consiglio regionale dove però era riuscito ad entrare per sostituire l’on. Franco Morelli, arrestato per concorso esterno in associazione mafiosa e anche lui indagato. Si aggiungono Dionisio Gallo, già coinvolto in processi su legami fra ‘ndrangheta e politica,  Giancarlo Franzè, il presidente del consorzio Brutium che fece incetta di commesse e fondi europei e pubblici, e il dirigente regionale Aldo Curto.

Le sei persone furono indagate nella nota inchiesta avviata nel 2006 dall’allora sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro Luigi de Magistris e poi, dopo l’avocazione a quest’ultimo, affidata alla Procura generale di Catanzaro, che riguardava un presunto comitato d’affari politico affaristico che avrebbe illecitamente gestito i soldi destinati alla Calabria.

I sei nomi furono tra i diciassette in totale che il giudice Abigail Mellace scagionò con un proscioglimento, mentre furono 27 gli imputati rinviati a giudizio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le segretarie confermano tutto ai magistrati “Avevo avvisato Bossi delle irregolarità”

prev
Articolo Successivo

Sicilia, le dimissioni ‘a tempo’ di Lombardo: “Passo indietro prima di pronuncia gup”

next