L’impresa è titanica, ma lui può riuscirci: far rimpiangere Emilio Fede. Giovanni Toti, neodirettore del Tg 4, incarna lo stereotipo del soldatino aziendale. È un Alessio Vinci senza neanche l’intenzione vaga dell’attraenza. Il giornalista mediano, affidabile, fieramente privo di picchi creativi: facilmente malleabile, come una creta che nessuno userà mai per plasmare capolavori. Viareggino, Toti ha 43 anni. È entrato a Cologno Monzese nel 1996, per uno stage nel Tg di Italia 1, e non ne è più uscito. Sposato con la collega Siria Magri. Redattore di cronaca, caposervizio, caporedattore a Studio Aperto. Parentesi nel 2006 a Videonews, la testata di “approfondimento” Mediaset, come curatore di Liberitutti su Rete 4 (il titolo era una sintesi del programma giuridico Pdl). Responsabile dei rapporti con i media e vicedirettore di Studio Aperto, condirettore e quindi direttore nel 2010. Fino all’ascesa al soglio emiliesco di due giorni fa.

Di Toti affascina la commovente refrattarietà alle telecamere: fisico da rugbista dismesso, movenze da cartone animato, sopracciglia che si alzano e abbassano come un attore di telenovelas brasiliane alle prese con una scena teoricamente drammatica. Toti si è gradualmente avvicinato alla forma “giornalistica” più cara ai berluscones: il pistolotto pseudo-garantista. Se Minzolini affrontava il comizietto esibendo la zeppola delle grandi occasioni, da navigato ex caratterista di Nanni Moretti, Toti recita i salmi con l’impeto di una triglia afflitta. Il primo a non sembrare convinto di ciò che dice è lui: se esortasse il pubblico ad andare a Messa, ci sarebbero più mangiapreti in Italia che tra le frequentazioni di Bakunin. Su Youtube giganteggiano gli strali con cui attaccò i giudici che condannarono Marcello Dell’Utri e, poi, i sovversivi che gioirono per le dimissioni di Berlusconi. Ventinove giugno 2010, 11 novembre 2011: le date delle (per ora) più celebri omelie di Toti, uno che la stampella l’ha scagliata ma gli è forse caduta in testa. Da qui lo sguardo surreale, tra il vitreo e lo sgomento, e le pause a caso durante la lettura. Sospiri confusi, respiri affannosi, un che perenne di ansiogeno. Dovrebbe assurgere a rampognatore, ricorda al massimo un Mastrota che incensa materassi scomodi. Se Fede ostentava la sua parzialità, nel tentativo vano di risultare credibile come comico di se stesso, Toti è il gregario che pedala per interposta persona e senza scattare mai. Il suo è un giornalismo senza salite né discese. Solo pianure, su cui stazionare placidi. E sempre a favor di vento.

Foto Lapresse

Il Fatto Quotidiano, 30 marzo 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fede, risparmiateci
gli infingimenti

next
Articolo Successivo

Playstation4, addio
ai giochi usati?

next