L’Otto per mille per la Chiesa cattolica arriva di primavera con la dichiarazione dei redditi e con strategie pubblicitarie che abbracciano le televisioni, i giornali, le radio. Facce disperate di profughi in mare e bambini affamati, deserti di sabbia e traversate di morte, immagini di repertorio che studi multinazionali (e costosi) selezionano per trasmettere il messaggio dei Vescovi italiani e per giustificare 1,118 miliardi di euro ricevuti l’anno scorso fra adesioni volontarie che arrancano e un sistema fiscale che premia il Vaticano.

Peccato che soltanto il 20 per cento di una cifra enorme sia destinata a “interventi caritatevoli” e una parte ancora minore (85 milioni) sia riservata per le popolazioni del Terzo Mondo. Proprio quei volti che sapienti pubblicitari confondono fra musiche sinfoniche e racconti eroici. Quasi un miliardo di euro rimane contante e sonante nelle casse dei Vescovi, cioè del Vaticano che trasferisce i conti bancari in Germania per aggirare le norme italiane contro il riciclaggio. La Conferenza episcopale italiana, prima di Camillo Ruini e poi di Angelo Bagnasco, ha stipulato un contratto decennale (appena scaduto, il 31 dicembre) in esclusiva con Saatchi & Saatchi, l’agenzia che promuove i prodotti di Enel, Illy, Toyota e anche del disastrato San Raffaele, l’ospedale milanese che fu di don Verzé.

Per migliorare la comunicazione e sfruttare 11, 5 milioni di investimenti nel 2011 e 12, 2 nel 2010, i Vescovi hanno arruolato Matteo Calabresi, già direttore marketing di Micromegas, un’azienda che cura le campagna di numerose banche: Fineco, Banca di Sicilia, Unicredit, Veneto Banca, Bnl Paribas. In via Aurelia a Roma c’è il laboratorio creativo dei vescovi, chiamato per esteso “Servizio per la promozione del Sostegno Economico alla Chiesa”.

I risultati si vedono in televisione e sul sito ufficiale. Parlano le emozioni, le rughe, le lacrime. Una mano prepara un pranzo, voce fuori campo: “Chiedilo a Michele o suor Lia che sfamano i poveri in una mensa di Padova”. India, stamberghe che circondano il lusso: “Chiedilo ai malati delle baraccopoli di Mumbai, a chi con coraggio si prende cura di loro”. Ancora India: “Chiedilo a suor Grace che a Calcutta salva dalla miserie tante bambine abbandonate”. Sbarre, buio, solitudine: “Chiedilo a padre Gaetano che difende i più deboli nelle carceri minorili”. Un tram arrugginito sfreccia in periferia: “Chiedilo a Lucia che era sola al mondo con il suo bambino”. Il narratore tace, la musica colpisce, e poi: “Con l’Otto per mille continui a fare molto per tanti. Se non ci credi, chiedilo a loro”. Perfetto. E parziale. Perché non spiega ai cittadini che, senza compilare il modulo, si ritrovano a finanziare la Chiesa per un meccanismo fiscale che favorisce la Chiesa cattolica e penalizza gli enti religiosi concorrenti (Valdesi, Luterani, Ebrei, Luterani, Avventisti, Assemblee di Dio).

Quei filmati che inondano le pause fra un programma e un telegiornale, un collegamento radiofonico e due pagine dei giornali, dicono che la Chiesa fa carità, non dicono che 360 milioni di euro servono per sostenere il clero e 467 milioni per esigenze di culto e pastorali. “Se non ci credi, chiedilo a loro”.

Il Fatto Quotidiano, 22 Marzo 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Multiutility conviene?

next
Articolo Successivo

Il golf, questa jattura

next