Tolosa, spari davanti a scuola ebraica

L’attacco alla scuola ebraica ‘Ozar Hatorah’ di Tolosa, costato oggi la vita a quattro persone tra cui tre bambini, è l’ultima di una serie di aggressioni compiute ai danni di istituzioni scolastiche israelite in Francia. Questa è la prima volta che si registrano delle vittime.

Ecco gli ultimi episodi

8 settembre 2009 – a Marsiglia viene lanciata una bomba di fabbricazione artigianale contro una scuola ebraica, il liceo Leon Bramson, frequentato da circa 400 studenti, in un quartiere a sud-est della città. Non si registrano vittime ma solo danni materiali

25 luglio 2005 – due bottiglie contenenti acido cloridrico vengono lanciate nel cortile della scuola ebraica Sinai, nel XVIII arrondissement di Parigi, mentre alcuni bambini stavano giocando, fortunatamente senza fare vittime. Una terza bottiglia cade in una sala dell’edificio adibita a luogo di culto, senza colpire i fedeli

15 novembre 2003 – un incendio devasta nella notte un liceo maschile di confessione ebraica a Gagny, presso Parigi, senza fare vittime. Ci sono volute parecchie ore per domare le fiamme che hanno provocato danni ingenti all’edificio

4 aprile 2002 – questa volta nel mirino delle aggressioni finiscono un autobus e un’automobile di una scuola ebraica di Aubervilliers, alla periferia di Parigi, dati alle fiamme. I veicoli erano parcheggiati ad un centinaio di metri dalla scuola.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tolosa, uccisi rabbino e tre bambini. Si segue pista neonazista su autore strage

next
Articolo Successivo

Camorra, ti sparerà in faccia la memoria

next