Nuovo arresto per Rebekah Brooks: l’ex amministratore delegato di News International ed ex direttrice del domenicale News of the World, figura insieme al marito Charlie Brooks tra le sei persone finite in manette a Londra e nel sud dell’Inghilterra per il Tabloid gate, lo scandalo delle intercettazioni e della corruzione che ha scosso il gruppo di Rupert Murdoch. Lo scrive l’agenzia giornalistica britannica Press Association. La ‘rossa’ Rebekah, che era stata anche direttrice anche direttrice del Sun, un tempo una delle donne più influenti nel Regno Unito, era il braccio destro del magnate australiano, Rupert Murdoch, proprietario dell’impero mediatico News Corporation.

In precedenza Scotland Yard aveva reso noto che cinque uomini di età compresa fra i 38 e i 49 anni e una donna di 43 sono finiti in manette all’alba a Londra e in altre città del sud del Paese con l’accusa di concorso nell’intralcio alla giustizia. La Brooks era già stata arrestata una prima volta lo scorso anno perché sospettata di aver avuto un ruolo di primo piano nelle intercettazioni telefoniche e anche nella corruzione di pubblici ufficiali per ottenere notizie. La donna vive attualmente nell’Oxfordshire insieme al marito, anche lui arrestato, che fa l’allenatore di cavalli da corsa ed è un amico personale del premier David Cameron.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’ingenuità della rete

prev
Articolo Successivo

Cosa vorremmo vedere
in tv?

next