Le polemiche della Lega Nord sul prossimo arrivo a Padova di Giuseppe Salvatore Riina hanno spinto la presidente della Onlus, alla quale il figlio terzogenito del boss di Cosa Nostra sarà affidato, a rassegnare le dimissioni.

A far arrabbiare Tina Ciccarelli, fondatrice dell’associazione “Noi famiglie padovane contro l’emarginazione”, è stato il riferimento fatto da alcuni esponenti del Carroccio, come riporta il Corriere del Veneto, ai suo trascorsi giudiziari. Nel criticare aspramente il soggiorno in terra veneta di Riina, la Lega aveva ricordato che la donna era stata sorpresa nel 1994 dalla Guardia di finanza con addosso un chilo di hascish e 13 grammi di eroina e quindi arrestata per spaccio di droga.

“Mi sono dimessa – spiega Ciccarelli – perché non sono come Umberto Bossi che dice a Davide Boni di non rassegnare le dimissioni”. La presidente dice che la sua rinuncia alla carica è da considerarsi al momento irrevocabile, anche se l’associazione le avrebbe chiesto con insistenza di ripensarci. Quanto accaduto, promette, non modificherà comunque i programmi relativi all’ arrivo di Riina a Padova. “Arriverà modestamente come tutti gli altri – sottolinea Ciccarelli – e gli verrà affiancato un nostro operatore che ha grande esperienza carceraria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

8 marzo. E’ qui la festa?

next
Articolo Successivo

Il pm Gozzo: “Sulla trattativa con la mafia sapevano i più alti vertici dello Stato”

next