In Questura a Milano, l’allora minorenne Ruby raccontò di aver ricevuto “avances” da Silvio Berlusconi, e di averle respinte. Lo ha raccontato al processo in corso a Milano l’agente Ermes Caffaro, sentito come testimone. Le attenzioni di Berlusconi sarebbero state rivolte a Karima el Marough detta Ruby, durante una festa a Villa San Martino ad Arcore, dove la giovane marocchina era stata accompagnata da Lele Mora. Alla fine avrebbe comunque ricevuto 15 mila euro.

“Io volevo andar via – avrebbe detto la giovane marocchina al poliziotto – e Berlusconi si meravigliò”. Alla festa ci sarebbero stati, oltre a lei, “donne che si spogliavano” e questo l’avrebbe messa a disagio. La ragazza avrebbe anche detto al poliziotto che Mora sapeva che fosse minorenne, ma Berlusconi “probabilmente no”.

Quanto alla famosa questione di Ruby “nipote di Mubarak”, la ragazza “mi disse che utilizzando questo escamotage, tramite Silvio Berlusconi avrebbe ottenuto i documenti”, ha ricordato ancora l’agente Caffaro.

Il poliziotto ha confermato il clima di grande tensione che la vicenda aveva creato la notte tra il 27 e il 28 maggio 2010 in Questura, dove Ruby era arrivata per un’accusa di furto. “Ricordo per certo che il collega mi disse che gli avevo lasciato una gran rogna e che in Questura c’era stato un gran trambusto”. Un trambusto determinato da “telefonate e pressioni in merito alla minore, la quale a differenza di quanto era stato detto dal pm minorile era stata affidata a un’altra persona”, Nicole Minetti. La telefonata di cui l’agente parla è quella della presidenza del Consiglio.

Infatti il pm dei minori Annamaria Fiorillo aveva ordinato ai funzionari di polizia che  Ruby “venisse affidata a una comunità o, nel caso non ci fosse posto, che venisse trattenuta in Questura la notte”. Invece fu prelevata dalla consigliera regionale Minetti, su mandato di Berlusconi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Processo Mills, l’aria non è cambiata

prev
Articolo Successivo

Come nasce (male)
una legge

next