Polemiche sulla stampa e via web. Ma ora diventa ufficiale la partecipazione di Adriano Celentano come ospite al Festival di Sanremo 2012. Si attende solo il comunicato congiunto della Rai e del Molleggiato, ultimo atto della querelle che è diventata l’argomento principale di questa edizione della manifestazione canora. Sul suo blog, il cantante aveva annunciato di essere stato escluso dal programma Rai, per mano dei vertici aziendali: “Siamo venuti a conoscenza che il direttore generale Lorenza Lei avrebbe comunicato al direttore di Raiuno Mauro Mazza e Gianmarco Mazzi direttore artistico del festival di Sanremo che Adriano Celentano sarebbe fuori dal Festival di Sanremo 2012″.

Ora invece è “pace fatta”: il contratto ricalca l’accordo verbale raggiunto lunedì sera al telefono dal direttore delle risorse Artistiche, Valerio Fiorespino, e l’avvocato del “Clan Celentano” su punti come la massima libertà per il Molleggiato nel rispetto del Codice Etico e le interruzioni degli spot pubblicitari. Quanto al trattamento economico, il compenso – come già circolato nei giorni scorsi – si aggirerebbe sui 300.000 euro a puntata per un massimo cumulabile di 750.000 euro. Gli organizzatori del festival presenteranno le puntate nella conferenza stampa prevista al teatro del Casinò di Sanremo martedì 31 gennaio.

L’ostacolo delle interruzioni pubblicitarie è stato superato separando la prima performance di Celentano da (eventuali) altri interventi nelle serate successive: il primo intervento dell’artista sarà considerato un evento eccezionale e pertanto non verrà interrotto da spot (come d’altronde accadde lo scorso anno per l’esegesi dell’Inno di Mameli da parte di Roberto Benigni); diverso il trattamento sui successivi interventi del cantante nelle serate successive che verrebbero interrotti solo se superassero i tempi degli intervalli tra un break pubblicitario e l’altro. Tempi che comunque sono corposi, di circa 25 minuti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Anniversario mesto per B.: “Scendo in rete”

next
Articolo Successivo

Montiparade: Super Mario sulla graticola

next